L’Albenza, una terrazza affacciata su 27 buche

le buche di vari dislivelli del Bergamo Golf l’Albenza

Nel 2011 il Golf Club Bergamo, l’Albenza, compiva cinquantanni, traguardo prestigioso per questo circolo inserito tra le campagne di Barzana e Almenno San Bartolomeo, tra le Prealpi lecchesi e accanto alle valli dell’Imagna e del Brembo.

È spesso la storia di un uomo o di un gruppo di amici che fa nascere un golf, in questo caso il noto industriale del luogo Cesare Magnetti fu l’anima di questo percorso.

85 ettari di fitta vegetazione, dossi e avvallamenti naturali erano ideali per un campo da golf e così avrebbe potuto evitare di  andare a giocare sul percorso di Villa d’Este con  l’amico ingegnere Ernesto Maggi.  In breve un gruppetto trovò ottima l’idea e si iniziarono i lavori delle prime 18 buche con lo studio Cotton & Sutton, architetti londinesi, che crearono un campo d’impronta anglosassone, quello che ancora è attualmente. Un percorso molto tecnico, con partenze sopraelevate ed una buona distribuzione di ostacoli d’acqua (utilizzando i ruscelli che spontaneamente sorgevano all’interno della proprietà) e di sabbia, ricco di pendenze naturali che rendono molto impegnativi gli arrivi su alcuni green.

i green dell’Albenza

Magnetti si dedicò con entusiasmo all’impresa che realizzò magnificamente e diresse per 28 anni (succedendo all’amico Carlo Pesenti) con l’ultima opera ai piedi delle colline orobiche, il terzo tracciato di 9 buche, inaugurato nel giugno del 1988, che giustamente porta il nome di “Percorso Magnetti” e che venne realizzato sotto la guida degli architetti Marco Croze e Tom Linskey, quest’ultimo direttore della Scuola Nazionale della Federgolf dal 1981 al 1984, nonché grande sostenitore delle potenzialità di Costantino Rocca che, abitando lì in zona, era stato caddie in quel circolo e lì aveva appreso a giocare a golf.

Interessante la Club House, opera dell’architetto Sandro Angelini, che ha realizzato un edificio del tutto diverso dallo stile rustico-elegante che si incontra spesso in altri Club e che nasce dalla necessità di adattare alla nuova funzione una struttura già esistente. Ampi saloni, luminosi grazie alle grandi vetrate che si affacciano sui green, un ingresso moderno (avveniristico per l’epoca nel quale venne costruito), sale da gioco, uffici, bar e ristorante molto funzionale.

I materiali particolari impiegati, chiaramente usuali in zona, sono ciottoli per i muri e ferro battuto, intimamente legati alle tradizioni ed alla cultura delle valli bergamasche. Tutto ciò ha reso l’Albenza uno dei Circoli più eleganti ed accoglienti d’Italia.

.

buca 18

 

Condividi

Facebook
Twitter
Pinterest
Perché hai letto

Articoli correlati

E salendo si arriva in Valtellina

Una giornata di sole come ormai è d’uso per il format Chef in Green. Chiaro sole caldissimo ed il fatto di essere in quota non incideva per nulla. Qui il

…e riecco il peperone di Carmagnola

Secondo appuntamento con il Peperone di Carmagnola. Dopo l’appuntamento del 1 agosto presso il Golf Lanzo ora entra nuovamente in campo il peperone di Carmagnola essendo il Golf La Margherita

Sempre più su… sino a Folgaria!

Ancora una bella giornata da scrivere sul libro di Chef in Green che ha moltissime pagine. Dopo Lanzo a 100 metri siamo saliti ancora un po’ per raggiungere il Golf