Profumi, ricordi di viaggio

Il viaggio porta con se ricordi visivi, olfattivi e tangibili, per questo è sempre un arricchimento.

Nel viaggio intrapreso da Juan Famenias Floris che salpò dall’isola nativa di Minorca, le esperienze furono anche sul mondo del profumo che scoprì a Montpellier per aprire nel 1730 un negozio in Jermyn Street al n° 89 nell’elegante quartiere St. James di Londra.

Ecco allora riproporre, da parte della Maison Floris, le fragranze che derivarono da questo splendido viaggio nei profumi del Mediterraneo.

Robert, figlio di Juan Famenias Floris, fondatore del marchio londinese, è tornato alla scoperta delle coste mediterranee fatta dal padre e ha toccato Antibes, Nizza raggiungendo la Costiera Amalfitana, costeggiando anche le isole più belle del mar Mediterraneo alla ricerca degli ingredienti più pregiati che caratterizzano gli aromi della selvaggia vegetazione.

Con il padre ben presto i profumi Floris raggiunsero una sorprendente notorietà tra i gentlemen ed i più illustri personaggi londinesi, così che il negozio si trasformò progressivamente nell’esclusivo scenario per la proposizione di fragranze e ricercati accessori, molto apprezzato da Lord e da nobili di Corte.

La famiglia Floris si tramanda, di generazione in generazione, il diario e le lettere scritte da Robert durante il viaggio e dalle quali emerge anche un tenero amore per una certa Maria, da lui conosciuta lungo il cammino.

Edward Bodenham, 9° discendente della famiglia fondatrice, ha tratto spunto proprio da queste narrazioni per creare Neroli Voyage e presentarlo di persona a Milano.

Neroli Voyage, la fragranza ispirata al viaggio, si apre con le note verdi e amare del neroli, corroborate dal connubio di limone e note marine, che regalano alla composizione ariosità ed un senso di rarefatta purezza. Il cuore della fragranza è avvolto dalle note cremose del gelsomino, reso frizzante da zenzero e semi di finocchio. Il fondo della fragranza è profondo e complesso in virtù delle note di legno di quercia della Corsica e di note sensuali di ambra e musk.

Questo marchio ha avuto nel tempo riconoscimenti eccellenti, che normalmente vengono conferiti solo da tre membri della Corte Inglese (oggi Sua Maestà La Regina Elisabetta II, Sua Altezza Reale Il Principe di Edimburgo e Sua Altezza Reale Il Principe di Galles) ad un fornitore di Casa Reale che viene quindi ritenuto ai vertici della qualità e del servizio nella propria categoria. Solo le aziende che hanno ottenuto questo riconoscimento possono utilizzare la dicitura “By appointment…” nella loro carta intestata e sui propri prodotti. I Royal Warrants sono soggetti a regolare revisione ogni cinque anni.

Floris venne insignito ufficialmente per la prima volta di un Royal Warrant nel 1820 da parte di Sua Altezza Reale il Re Giorgio IV che, in qualità di affezionatissimo cliente, già precedentemente, nel 1800 come Principe di Galles e nel 1814 come Principe Reggente, aveva concesso due riconoscimenti alla J.Floris LTD. A Floris  sono stati assegnati ben 17 Royal  Warrants dalla famiglia Reale e si può oggi avvalere di due di essi: fornitore di prodotti da toilette per Sua Altezza Reale il Principe di Galles e profumiere di Sua Maestà la Regina Elisabetta II – unica maison al mondo a vantare questo titolo.

Condividi

Facebook
Twitter
Pinterest
Perché hai letto

Articoli correlati

Incontrarsi a Courchevel

L’Apogée, Il nuovo ristorante pop-up in collaborazione con Gennaro Esposito celebra il suo decimo anno. Una collaborazione con lo chef bistellato Gennaro Esposito Culinary Director dell’Hotel La Palma a Capri,

Ultimo appuntamento: Golf Lecco!

… e si conclude in quel di Lecco l’esperienza di sei chef che hanno optato per un lunedì da passare con Chef in Green, il format che condivide le passioni,

Un Asolo Golf Particolare

Il 14 ottobre si è svolto all’Asolo Golf un evento particolare, non era il solito Chef in Green perché trovare di sabato gli chef liberi per godersi una giornata tra

Chocolate Culture a Host

Davide Comaschi , Master Chocolatier ha portato a Host per la prima volta l’associazione Chocolate Culture con momenti di formazione, innovazione, creatività per far arrivare la conoscenza di questo grandissimo