Quel giallo oro che viene dalla terra greca

risotto allo zafferano tipico piatto milanese

Uno dei piatti che vengono fatti durante questi nostri simpatici incontri tra Chef, in una ambientazione green, quella del Golf, è di colore giallo dato dallo zafferano.

Lo zafferano, l’oro della terra greca – così viene chiamato – è annoverato fra le spezie più amate e più preziose delle antiche civiltà per l’aroma, il colore, le proprietà medicinali e afrodisiache.

Cleopatra lo utilizzava nei suoi prodotti di bellezza, gli antichi Fenici lo offrivano alla dea Astarte, Omero lo menziona nei suoi testi e lo si incontra persino nell’Antico Testamento.

Gli abitanti della zona in cui si estendono le piantagioni, lo seminano ogni estate e all’arrivo dell’autunno raccolgono a mano i preziosi stigmi dello splendido fiore, facendoli essiccare con cura finché non diventano dei sottili filamenti rosso scuro.

Servono circa 50.000 stigmi per ricavare 100 grammi di zafferano rosso, si capisce il perché del costo importante di questa Spezia. Lo zafferano greco (saffron) è fra le migliori qualità al mondo, così dicono e noi lo abbiamo tra i partner per farlo gustare durante i nostri incontri. Certo che è molto interessante anche il nome che in greco prende questo bellissimo fiore azzurro viola, Krokus, dagli stigmi rossi.

Se ci riferiamo alla mitologia infatti Croco fu ucciso da Ermes che si stava esercitando nel lancio del disco. Un dio aveva ucciso un essere umano, vergogna! Bisognava dare a Croco una veste più importante e quindi, il dio lo rese immortale, trasformando il corpo senza vita in un bellissimo fiore azzurro viola e il sangue di Croco in tre stigmi rossi nel cuore del fiore. Da allora, ogni autunno, i fiori di Croco ricoprono la terra di Kozani, nella Macedonia Occidentale, di un tappeto viola e riempiono l’aria con il loro delicato profumo.

Molte le proprietà di questo prodotto che viene usato in vari ambiti, in farmacia, in pittura, in pasticceria, in cucina e nell’affinamento non solo di formaggi. Una Spezia che i milanesi usano moltissimo per il loro risotto giallo e noi lo proponiamo ogni volta, lasciando al cuoco la fantasia di utilizzarlo a suo piacimento, come fa lo chef Theo Karathanasis.

il cocktail di Theo Karathanasis

Condividi

Facebook
Twitter
Pinterest
Perché hai letto

Articoli correlati

E salendo si arriva in Valtellina

Una giornata di sole come ormai è d’uso per il format Chef in Green. Chiaro sole caldissimo ed il fatto di essere in quota non incideva per nulla. Qui il

…e riecco il peperone di Carmagnola

Secondo appuntamento con il Peperone di Carmagnola. Dopo l’appuntamento del 1 agosto presso il Golf Lanzo ora entra nuovamente in campo il peperone di Carmagnola essendo il Golf La Margherita

Sempre più su… sino a Folgaria!

Ancora una bella giornata da scrivere sul libro di Chef in Green che ha moltissime pagine. Dopo Lanzo a 100 metri siamo saliti ancora un po’ per raggiungere il Golf