Ora un cantiere, poi Mercato Centrale a Milano

Così anche Milano avrà il suo Mercato Coperto proprio alla Stazione Centrale.

A giugno termineranno i lavori strutturali finanziati da Grandi Stazioni e i 4.500 metri quadrati di Stazione Centrale destinati a diventare Mercato Centrale Milano passeranno sotto la gestione della società di Umberto Montano, imprenditore della ristorazione, e dall’esperienza imprenditoriale del gruppo Human Company della famiglia Cardini-Vannucchi, co-fondatore e leader in Italia nel settore del turismo all’aria aperta. Realizzeranno l’allestimento delle botteghe artigiane e delle altre aree di ristorazione ed eventi.

«Il contratto che abbiamo firmato scadrà tra 21 anni – sottolinea il ceo Stefano Mereu – contemporaneamente al termine della concessione ottenuta da Grandi Stazioni con Ferrovie dello Stato. Una scadenza necessariamente a lungo termine perché, tra i due interventi, l’investimento complessivo supera i 10 milioni di euro».

Il cantiere di via Sammartini a Milano è aperto e così dopo il format di successo, nato a Firenze il 23 aprile del 2014 (dove oggi ne sono presenti due, quello in centro storico e quello al centro commerciale I Gigli) ed esportato prima a Roma, nel complesso di Stazione Termini, il 5 ottobre del 2016, quindi a Torino, dove l’apertura è stata fissata per il 13 aprile, con 4.500 mq, 25 tra botteghe, ristoranti e perfino una torrefazione e un mulino per creare il pane tutto a Porta Palazzo. Entro il 2019 quello di Milano.

L’idea del progetto è semplice e si basa su tre concetti fondamentali: la centralità degli artigiani con la loro capacità di produzione, preparazione, vendita e somministrazione dei loro prodotti locali, il legame e lo scambio con il quartiere e la città nell’ottica di una rigenerazione urbana, la creazione di eventi, che trasformano ogni mercato in luogo di destinazione in un continuo dialogo con il tessuto cittadino.

Un luogo di condivisione e di incontro sviluppato attraverso un numero enorme di eventi e attività culturali non solo legati al food, ma alla moda all’arte con oltre 600 eventi programmati dall’apertura alla fine dell’anno  per non essere solo mercato.

«Molto più, dunque, di un luogo dove mangiare e fare la spesa – dichiara Umberto Montano, ideatore e Presidente di Mercato Centrale – Mercato Centrale è un luogo di destinazione, dove cibo e cultura si incontrano in un connubio perfetto in grado di generare un forte fenomeno di aggregazione sociale e realizzare veri e propri progetti di rigenerazione nel tessuto urbano all’interno del quale si inserisce».

Deve  essere un mercato coperto di nuova concezione che punta tutto su artigianalità, legame con il territorio e vocazione culturale: sono questi gli ingredienti della ricetta di Mercato Centrale, un progetto che vede Firenze, Roma Torino ed entro la fine dell’anno Milano.

Un viaggio attraverso la riscoperta della cultura gastronomica italiana, la maestria degli artigiani della bontà elementare e la restituzione di luoghi che tornano a vivere.

Condividi

Facebook
Twitter
Pinterest
Perché hai letto

Articoli correlati

E salendo si arriva in Valtellina

Una giornata di sole come ormai è d’uso per il format Chef in Green. Chiaro sole caldissimo ed il fatto di essere in quota non incideva per nulla. Qui il

…e riecco il peperone di Carmagnola

Secondo appuntamento con il Peperone di Carmagnola. Dopo l’appuntamento del 1 agosto presso il Golf Lanzo ora entra nuovamente in campo il peperone di Carmagnola essendo il Golf La Margherita

Sempre più su… sino a Folgaria!

Ancora una bella giornata da scrivere sul libro di Chef in Green che ha moltissime pagine. Dopo Lanzo a 100 metri siamo saliti ancora un po’ per raggiungere il Golf