Spicchi da Chef

Spicchi da Chef” è l’ultima delle iniziative annuali di Lievità che mette in tavola la pizza gourmet e le creatività degli chef da ormai quattro anni. Occasione che vede lunedì 9 dicembre il Maestro Pizzaiolo Giorgio Caruso ad affiancarlo nella creazione di uno speciale menù in cui protagonista rimane la pizza gourmet di Lievità, lo stellato Davide Caranchini, talento del panorama gastronomico attuale con all’attivo una stella Michelin e il premio di miglior giovane chef dell’anno per la Guida dell’Espresso 2018.

Davide è alla guida del ristorante Materia di Cernobbio, sul Lago di Como, dove continua a collezionare successi grazie alla sua capacità di valorizzare ingredienti naturali e genuini e di trasformarli in preziose creazioni in cui i concetti di fermentazione, ispirazione proveniente dalla cucina orientale e sperimentazione sono centrali.

Occasione quindi di poter sposare il mondo dell’alta cucina a quello della pizza gourmet per dare vita ad un matrimonio che porterà alla creazione di sei portate uniche.

Una serie di piatti a quattro mani i cui ingredienti, accuratamente selezionati da Giorgio e Davide, daranno vita a uno speciale menù degustazione che prevede due antipasti, tre pizze e un dolce, vini inclusi, delle Cantine Ferrari,al costo di 50 € a persona.

Info e prenotazioni: 02 40701653

Pizzeria gourmet “Lievità” – Via Pasquale Sottocorno, 17 – Milano

Condividi

Facebook
Twitter
Pinterest
Perché hai letto

Articoli correlati

E salendo si arriva in Valtellina

Una giornata di sole come ormai è d’uso per il format Chef in Green. Chiaro sole caldissimo ed il fatto di essere in quota non incideva per nulla. Qui il

…e riecco il peperone di Carmagnola

Secondo appuntamento con il Peperone di Carmagnola. Dopo l’appuntamento del 1 agosto presso il Golf Lanzo ora entra nuovamente in campo il peperone di Carmagnola essendo il Golf La Margherita

Sempre più su… sino a Folgaria!

Ancora una bella giornata da scrivere sul libro di Chef in Green che ha moltissime pagine. Dopo Lanzo a 100 metri siamo saliti ancora un po’ per raggiungere il Golf