Un idea di orario di giornata

Una mia riflessione di stamattina alle 5 e 30 è stata bloccata da FB, perché violava gli standard …
Per carità mi sarebbe piaciuto capire il perché, ma non ho avuto risposta. In questo momento i divieti piovono, meglio piombano dappertutto quindi lasciamo stare.
Ma io sono del parere di poter dire quel che penso specie se non vedo nessun motivo d’appiglio e quindi ho pensato di fare su un mio sito un breve riporto del testo.
Riflettevo che poiché oggi il sole si alza alle 6,34 e cala alle 17,12 vediamo di studiarci un menu di giornata, con prima colazione alle 6.00, il pranzo lo portiamo alle 12.00 e la cena alle 17.00 al posto del the con biscottini come facevano le mie nonne e la mia mamma, ma i tempi sono cambiati e ci si deve adeguare.
La distanza tra i momenti del cibo è di 5 ore certo e un bel cambiare per molti, ma se potesse essere un modo per convivere e salvare salute ed economia non sarebbe male.
Potrebbe essere una soluzione, mi preoccupa solo la cena perché poi, per digerire visto che non si può uscire per coprifuoco, si dovranno studiare piatti leggeri e digeribili e caricare piuttosto il menu del pasto.
Voglio cercare soluzioni non farmi abbattere perché mi piego, ma non pensate di spezzarmi.
Beh desidererei avere il vostro parere, quindi dite la vostra mandandomi un vostro messaggio su direzione@chefingreen.it
grazie
il direttore

Condividi

Facebook
Twitter
Pinterest
Perché hai letto

Articoli correlati

E salendo si arriva in Valtellina

Una giornata di sole come ormai è d’uso per il format Chef in Green. Chiaro sole caldissimo ed il fatto di essere in quota non incideva per nulla. Qui il

…e riecco il peperone di Carmagnola

Secondo appuntamento con il Peperone di Carmagnola. Dopo l’appuntamento del 1 agosto presso il Golf Lanzo ora entra nuovamente in campo il peperone di Carmagnola essendo il Golf La Margherita

Sempre più su… sino a Folgaria!

Ancora una bella giornata da scrivere sul libro di Chef in Green che ha moltissime pagine. Dopo Lanzo a 100 metri siamo saliti ancora un po’ per raggiungere il Golf