Gelato alla pasta di dattero

Un gelato golosamente leccato anche con la sciarpa al coloo… ecco la novità che arriva da Almenno S. Bartolomeo.

Sempre più spesso gli italiani non rinunciano al gelato in inverno, e, proprio per questo periodo dell’anno, La Pasqualina lancia un gusto inedito: Jericho Vale è il nuovo gelato realizzato con pasta di dattero, noce e cannella. Una dedica e un ringraziamento alla delegazione di Gerico, che, in visita a Bergamo ha omaggiato la città con della pasta di dattero. 

Il Comune di Bergamo è, infatti, capofila di un importante progetto di cooperazione internazionale – il cui nome è proprio “Jericho Vale!”  – dedicato alla valorizzazione della filiera del dattero, volto a sostenere l’economia palestinese. 

 

La nostra passione per la valorizzazione di tutti i territori ci ha portato fino in Palestina. Abbiamo ricevuto in dono della pasta di dattero, frutto ancora poco utilizzato nel nostro laboratorio. Ne abbiamo scoperto il sapore dagli echi mediterranei e, abbinandolo a cannella e noce, ne abbiamo fatto un nuovo gusto di gelato. Un tuffo in terre lontane in omaggio all’unione di popoli e culture” – spiega Riccardo Schiavi, quarta generazione alla guida della pasticceria-gelateria di Bergamo. 

Vincitore dei Tre Coni nella guida  Gelaterie d’Italia 2022  del Gambero Rosso, il gelato Pasqualina è il risultato del giusto equilibrio tra gli ingredienti più semplici e genuini. Uno dei traguardi della continua ricerca de La Pasqualina è la totale  assenza di tutti gli additivi alimentari  (addensanti, emulsionanti, coloranti, aromi chimici, grassi idrogenati e latte in polvere) per rendere il gelato più leggero e digeribile, contribuendo a esaltare al meglio il gusto di ingredienti come il latte e la frutta. 

Una storia di famiglia che dura da oltre centanni. Infatti nati nel 1912 con il nome di una persona, Zia Pasqualina,  una ragazza bella da far perdere la testa. E così è per lo zio Piero. Insieme realizzano un sogno nella campagna di Almenno San Bartolomeo, in provincia di Bergamo.

Dopo un secolo è sempre una storia che si ripete: quella di chi con determinazione e sudore, entusiasmo e fatica rende fertile un terreno perché possano crescere frutti genuini e perché questi frutti – come è nella natura di chi ama far bene il proprio mestiere – possano essere goduti, gustati e apprezzati da altri. Il sapore dei nostri prodotti rispecchia la tradizione e l’artigianalità di cui andiamo fieri. In ogni gusto infatti  si trova molto del nostro essere e del nostro fare.

Dal gelato, ai biscotti, ai panettoni, ai croissant, alla cioccolateria, alle torte, alle creme spalmabili fino alla tostatura del nostro caffè è tutto realizzato nel nostro laboratorio.

Nasce il Ristoro Cacciatori Pasqualina, al tempo una locanda dal sapore semplice, dove cortesia ed ospitalità la fanno da padrone, insieme al gusto, tradizionale e autentico.
Ed è così che inizia la storia di un luogo dove si sono incrociati i destini di molte generazioni, di tante persone e di una sola famiglia. Il cuore della Pasqualina batte ancora oggi nel laboratorio di pasticceria di Riccardo.

Condividi

Facebook
Twitter
Pinterest
Perché hai letto

Articoli correlati

Incontrarsi a Courchevel

L’Apogée, Il nuovo ristorante pop-up in collaborazione con Gennaro Esposito celebra il suo decimo anno. Una collaborazione con lo chef bistellato Gennaro Esposito Culinary Director dell’Hotel La Palma a Capri,

Ultimo appuntamento: Golf Lecco!

… e si conclude in quel di Lecco l’esperienza di sei chef che hanno optato per un lunedì da passare con Chef in Green, il format che condivide le passioni,

Un Asolo Golf Particolare

Il 14 ottobre si è svolto all’Asolo Golf un evento particolare, non era il solito Chef in Green perché trovare di sabato gli chef liberi per godersi una giornata tra

Chocolate Culture a Host

Davide Comaschi , Master Chocolatier ha portato a Host per la prima volta l’associazione Chocolate Culture con momenti di formazione, innovazione, creatività per far arrivare la conoscenza di questo grandissimo